TERRAE-MOTUS

workshop 2

risultati del workshop 2

nel workshop 2 abbiamo lavorato a strutture insediative flessibili e trasformabili, duttili alle diverse specificità di contesto urbano, territoriale, sociale; prevedendo una dotazione minima di elementi infrastrutturali con possibilità di accrescimento nel tempo delle singole unità insediative, costruendo un sistema ‘poroso’ che possa essere modificato anche attraverso forme di partecipazione diretta. E’ un’applicazione speri-mentale con l’obiettivo di predisporre un possibile prototipo.Le combinazioni variabili sono anche dettate dalla diversità dei contesti, prevedendo un adattamento a differenti morfologie del suolo in luoghi con predominante paesaggistica e storica, come nel caso dei numerosi centri minori abruzzesi colpiti dal sisma che costituiranno da sfondo e da destinatario dei lavori prodotti. Un’altra finalità è quella di predisporre sistemi a bassa densità e con alti requisiti di ‘naturalità’ dell’insediamento, allo scopo di renderne più facile, dopo la fase di emergenza, la trasformazione in strutture e spazi pubblici.
PROF.CARMEN ANDRIANI
PROGETTO: Davide Scomparin

workshop 2

workshop 2

workshop 2

workshop 2